Navigazione

Deodoranti hippie di nuova generazione

hippie-deos-der-neuen-generation_1.jpg

Una volta alcuni li chiamavano «deodoranti hippie» per via della composizione delicata per la pelle e dell’assenza di prodotti chimici: pienamente in sintonia con la natura, ma purtroppo piuttosto inefficaci nella loro azione contro il cattivo odore di sudore. Oggi i deodoranti senza sali di alluminio non hanno più ragione di temere il confronto con quelli convenzionali. E forse presto li supereranno anche numericamente.

In sincronia con l’aumento delle temperature, anche le nostre ghiandole sudoripare si risvegliano lentamente dal letargo invernale. Il sudore in fondo non è altro che acqua; sono solo i batteri che si formano sulla nostra pelle a causare quell’odore pungente. Per avere un odore piacevole tutto il giorno, oltre alla doccia quotidiana ci vuole anche un deodorante affidabile. Oggi le persone quando scelgono un deodorante hanno più motivi di riflessione rispetto a una volta, perché pare che i deodoranti senza sali di alluminio siano più sani per il corpo rispetto a quelli che li contengono. Anche se questa tesi non è ancora stata chiaramente dimostrata dal mondo scientifico, la scelta dei «deodoranti bio» aumenta quasi ogni settimana. In linea di principio questa è un’ottima notizia. Ma vorremmo comunque saperne un po’ di più. Infatti sui deodoranti senza sali di alluminio se ne sentono di tutti i colori. 4 credenze confutate sui deodoranti senza sali di alluminio.

 

Credenza 1: non funzionano.

Falso. Istituti e redazioni indipendenti in tutta Europa sono giunti alla medesima conclusione negli ultimi mesi: non tutti, ma molti deodoranti hanno superato le prove e proteggono dagli odori corporei durante tutto il giorno. Il punto è che non bisogna affidarsi solo a un deodorante, ma bisogna anche lavarsi. Se non segue una buona igiene, anche il deodorante più efficace al mondo sarà inutile.

 

Credenza 2: non hanno un buon odore. 

Al contrario. Le persone che, come me, non amano i profumi intensi nei prodotti trattanti sapranno apprezzare le loro fragranze delicate. I deodoranti hippie della generazione 2.0 non profumano più di chiodi di garofano o patchouli. Il deodorante roll-on «Soft & Silky I am» ad esempio ha un odore favoloso! Come il bucato appena lavato asciugato al sole. I love it!

hippie-deos-der-neuen-generation_2.jpg

 

Credenza 3: possono essere acquistati solo in negozi specializzati. 

Assolutamente no. La Migros in particolare dispone già di una vasta scelta, dagli spray ai roll-on, e per tutti i tipi di pelle. Probabilmente i deodoranti senza sali di alluminio subiranno la medesima evoluzione vissuta da altri fenomeni dei movimenti in favore della salute: all’inizio le persone sono scettiche e qualche anno dopo non riescono nemmeno più a immaginarsi come facevano quando quel prodotto non c’era.

hippie-deos-der-neuen-generation_3.jpg

 

Credenza 4: con alluminio fa male, senza fa bene. 

Anche se molte persone lanciano il grido di allarme «cancro al seno!», la cattiva reputazione dei sali di alluminio non è stata chiaramente dimostrata. Questo fatto deve essere ricordato. Dagmar Simon, dermatologa dell’Inselspital di Berna, spiega: «Gli studi recenti sono piuttosto un primo segnale di cessato allarme. Anche se l’innocuità per la salute dell’alluminio viene regolarmente messa in discussione, non vi sono prove chiare che possa aumentare il rischio di cancro al seno o di Alzheimer.»
Sulla pelle ferita o secca è però meglio usare deodoranti senza sali di alluminio. Infatti, attraverso le lesioni cutanee l’alluminio penetra direttamente nel corpo, il che non è ideale, a prescindere dalle ideologie.


Martina del Migros Beauty Team, pubblicato il 12.04.2017