Navigazione

Dottor Natura

doktor-natur.jpg

La cura del viso dalla provetta della natura 
Vecchi tipi di mele, uva soda o l'essenza dei bulbi di crocus. Lo sapevi che la natura serve da modello per molte creme antietà? Il dott. Bernhard Irrgang, responsabile del settore «Ricerca e sviluppo» nel gruppo Mibelle, produttore internazionale di molte marche cosmetiche della Migros, spiega perché la natura spesso è perfetta anche per la scienza.

Dottor Irrgang, su molti nuovi prodotti della linea Zoé leggo termini come «Vitis Vinifera» o «Malus Domestica». Sono andata subito a cercarli: sono diverse specie di uva e mele! Il settore Ricerca della Mibelle sembra copiare molto da madre Natura? 


Per il principio attivo estratto dalle mele presente nella linea Zoé si utilizza un vecchio tipo di mela che si conserva particolarmente bene. L'idea è che quello che funziona bene per la mela possa funzionare anche per la pelle.

 

E l'uva, soda com'è, diventa il modello di tonicità per la pelle del viso? 

Sì, l'idea è quella. Il principio attivo dell'uva Gamay contiene una percentuale elevata di sostanze (polifenoli) in grado di proteggere la pelle dallo stress causato dai raggi UV; è lo stesso modo in cui l'uva si protegge dal sole.

 

Affascinante.

Molto. Ma particolarmente interessante a mio parere è la storia del principio attivo estratto dai bulbi di crocus. Il crocus, che di solito è la prima pianta primaverile, è infatti simbolo di giovinezza. Nei suoi bulbi si trovano principi preziosissimi che aiutano anche la pelle a combattere l'invecchiamento.

 

Si tratta di scoperte casuali o lei e il suo team conducete delle ricerche nel preciso intento di scoprire questi meccanismi presenti in natura? 

Il motto dei ricercatori del settore biochimico Mibelle è il seguente: «Ispirato dalla natura, realizzato dalla scienza». Ma prima che si giunga al prodotto finito, spesso ci vogliono lunghi processi di maturazione.

 

I prodotti Zoé riportano l'età per la quale sono adatti. Non è meglio in ogni caso iniziare presto (ovvero prima dei 30 anni) a utilizzare i prodotti antietà?

Naturalmente è necessario prendersi cura molto presto della propria pelle. I primi segni di invecchiamento compaiono a partire dai 25 anni circa.  Pertanto è consigliabile occuparsi regolarmente della propria pelle. Può essere utile per esempio trattarla con prodotti idratanti.

 

Con tutto il rispetto per i preziosi cosmetici high-tech, anche le risate e la felicità non sono da sottovalutare contro le rughe sulla fronte o una tinta smorta. Che cosa fa personalmente per il suo «inner smile»?

Mi piace fare jogging e andare in bicicletta, non serve nemmeno che faccia bel tempo. Dopo le giornate di stress mi aiuta moltissimo a ritrovare il mio equilibrio interiore. Gli allenamenti di resistenza di una certa durata producono addirittura il rilascio dell'ormone della felicità. Più naturale di così


Martina del Migros Beauty Team, pubblicato il 09.05.2017