Navigazione

Semplice ma efficace

2160x1215_aktivkohle_1.jpg

Foto: iStock

Eppure è proprio così: il carbone attivo è un portento. Il carbone attivo si ricava dal carbone di legna, quello che si utilizza per grigliare, ma anche dai gusci di noce di cocco, dal bambù, dai noccioli della frutta e dalla lignite. Queste materie prime naturali vengono trasformate in carbone attivo con un procedimento chimico che conferisce loro un potente effetto detergente e disintossicante. Il carbone attivo vanta una struttura porosa e agisce come una spugna: assorbe le sostanze dannose come le impurità e si lega a esse. Il carbone attivo svolge un effetto terapeutico anche all’interno dell’organismo. Infatti molti conoscono le compresse di carbone in grado di catturare le sostanze tossiche e i batteri del tratto gastrointestinale. La polvere di carbone di sapore neutro viene anche mischiata agli alimenti. Pare che il black smoothie e i cornetti neri siano stati inventati apposta per depurare l’organismo. Anche nel campo della cosmesi il carbone attivo ha dimostrato di essere efficace, soprattutto in maschere per il viso, peeling, saponi e dentifrici. Il carbone agisce come una calamita che attira lo sporco, le colorazioni, il sebo e i batteri dalle superfici ottenendo così una pulizia profonda. Carbone nero nel dentifricio e nella crema per il viso? È sì uno strano abbinamento, ma niente paura: il carbone non lascia tracce nere. Si tratta di particelle microscopiche che si risciacquano facilmente e che, per fortuna, non macchiano né il cavo orale né il viso ma lasciano la pelle perfettamente pulita e denti bianchissimi. 

2160x1215_MibelleLogo.jpg
960x540_Peck.jpg

Michael A. Peck, responsabile dello sviluppo dei prodotti presso Mibelle Group. Foto: Christian Schnur

L’opinione dell’esperto

Signor Peck, cos’è esattamente il carbone attivo?
Il carbone attivo si ottiene con un procedimento chimico che trasforma il carbone e altri materiali contenenti carbone in una sostanza pura e altamente attiva con una struttura molto porosa in grado di assorbire altre sostanze. Il carbone attivo ha il potere di depurare e decolorare, ed è questa capacità che sfruttiamo nella cosmesi. 

Come agisce il carbone attivo contenuto nel dentifricio?
Il carbone contenuto nella pasta dentifricia elimina delicatamente le colorazioni sui denti, come quelle causate ad esempio dal caffè, dal vino e dalla nicotina. Se utilizzato regolarmente, il dentifricio con carbone attivo previene inoltre le macchie. 

E che effetto ha il carbone attivo sulla pelle? 
Sulla pelle esercita un'azione detergente. Ne sono un ottimo esempio le nuove maschere per il viso al carbone. Lasciando agire la maschera per alcuni minuti, il carbone contenuto trattiene le particelle di sporcizia e il sebo. Dopo il trattamento i pori appaiono affinati, la cute è più uniforme e i punti neri scompaiono più rapidamente.


Testo: Petra Koci